Perché la storia di Keystone XL ti riguarda da vicino

13 gennaio 2015

keystone-10La questione Keystone XL, l’oleodotto che divide gli Stati Uniti dal 2008, non è lontana come può sembrare a una prima impressione. Ci sono diverse ragioni per cui la costruzione di un tubo che trasporta bitume, un petrolio di scarsa qualità, dalle terre canadesi alle coste americane meridionali interessa da vicino anche noi che viviamo nel continente europeo e, in particolare, noi italiani.

Uno. La prima riguarda, facile a dirsi, i rischi climatici che questo progetto comporta. È noto che il riscaldamento globale è un fenomeno che non conosce confini. La CO2, i gas serra emessi dall’altra parte della Terra hanno effetti negativi, i cambiamenti climatici, anche a migliaia di chilometri di distanza. Così se bruciare carbone in Cina, il combustibile fossile più sporco e pericoloso per il clima, ha effetti sulla riduzione dei ghiacci artici, allo stesso modo estrarre, trasportare e raffinare il bitume canadese può accelerare l’innalzamento del livello dei mari che minaccia le coste italiane, come la laguna di Venezia per citare un luogo a noi caro.

Due. Rispetto all’estrazione del petrolio arabo, quello estratto dalle sabbie bituminose causerebbe emissioni superiori del 17 per cento per ogni barile prodotto e, nello specifico, la realizzazione dell’oleodotto Keystone XL aumenterebbe le emissioni annuali di CO2 degli Stati Uniti di 30 milioni di tonnellate secondo l’organizzazione ambientalista Friends of Earth. Come se d’un tratto venissero buttate per le strade altre 5,6 milioni di auto rispetto a quelle già in circolazione nel mondo. Per non parlare dello spreco d’acqua, usata per l’estrazione. Un bene sempre più prezioso in Italia come nel resto del mondo a causa di un’espansione delle zone aride dovuta a un aumento dei periodi di siccità. Ma c’è un aspetto che rischia di riguardarci ancora più da vicino.

Tre. A settembre 2014 due parlamentari italiani, Michele Piras e Giulio Marcon, in seguito alla segnalazione ricevuta da una rete di organizzazioni ambientaliste americane, hanno chiesto informazioni al ministero dell’Ambiente e al ministero dello Sviluppo economico sulla possibilità che proprio quel bitume estratto nella regione dell’Alberta (Canada) potesse arrivare in Italia, per la precisione in Sardegna, nelle raffinerie di Sarroch di proprietà del gruppo Saras, tra le poche dotate delle tecnologie in grado di raffinare anche il greggio di qualità peggiore. Il bitume canadese sarebbe stato trasportato dalla nave Minerva Gloria che batte bandiera greca.

Questo significa che il nostro paese sarebbe potuto diventare direttamente responsabile di una pratica pericolosa per l’ambiente sardo e per il clima globale. Il bitume necessita di un processo di raffinazione più lungo e complesso e questo significa aumentare l’impatto ambientale di una raffineria sul territorio dove si trova. Inoltre richiede un maggior fabbisogno energetico costringendo a un inevitabile incremento delle emissioni di CO2 del nostro paese.
**********************************************

La risposta di Saras. Il gruppo sardo ha risposto all’interpellanza parlamentare dei due onorevoli affermando che la nave Minerva Gloria, arrivata a Sarroch nella prima metà di ottobre, trasportava “un carico di comune petrolio di origine canadese, non di sabbie bituminose”. Un petrolio le cui “caratteristiche chimico-fisiche erano analoghe, ad esempio, alla maggior parte dei grezzi mediorientali”. Per questo, “in termini di emissioni di gas climalteranti, il processo di raffinazione di tale petrolio” sarebbe stato “assolutamente equivalente a quello seguito dagli altri grezzi in tutti gli impianti europei”.

Un quadro che non lascia tranquilli visto che il nuovo oleodotto che sfocia sulle coste texane del golfo del Messico ha l’obiettivo preciso di ridurre i tempi di trasporto continentali per fare in modo che il bitume possa salpare più rapidamente oltreoceano. “Per sapere se quanto dice Saras è vero, l’unico strumento è una indagine della magistratura” ha detto Piras. Anche un articolo del Sole 24 Ore lascia la porta aperta alla possibilità che il petrolio da sabbie bituminose possa presto arrivare in Italia visto che “l’Unione europea non sembra avere più nulla da obiettare su questo tipo di greggio”.

La questione dell’oleodotto Keystone XL non riguarda solo il Canada o gli Stati Uniti, è un problema che riguarda tutti. Per questo dobbiamo sperare che la decisione del presidente americano Barack Obama di porre il veto nel caso di una approvazione del Congresso americano venga confermata. E fare il tifo per lui in questa sfida.

Tommaso Perrone per LifeGate

Key representatives from top gaming firms were represented: Activision Blizzard (NASDAQ:ATVI) CTO Andy Hendrickson spoke for Call of Duty, saying that the franchise’s upcoming Infinite Warfare and Modern Warfare: Remastered would support PS4 Pro “from day one,” as will the previously released Call of Duty: Black Ops 3 via an online upgrade. Meanwhile, Aaryn Flynn of Electronic Arts (NASDAQ:EA) noted the company’s FIFA soccer franchise and upcoming Mass Effect: Andromeda would support cheap nfl jerseys the new graphics. For all of its visual achievements, the actual plot of Avatar is fairly standard a group of blue skinned natives on a distant planet are forced to fight back when interstellar humans attempt to knock over their magic tree. The main character is a human male who falls in love with one of the female blue aliens and winds up having to fight off his own people to protect her and her tribe.. Joe Flacco may never reach the level he did in the 2013 Playoffs, but he’s cheap jerseys been effective this year without a true No. 1 option in the passing game. On a full year basis, there’s not much cheap jordans online room for error in those numbers. That said, cash flow numbers still should be reasonably strong: in the range of $11 12 million, based on a depreciation run rate of $19 million and capex guidance (excluding the equity investments) of $9 cheap football jerseys china million plus. 4e). The measured average spectrum (orange curve, Fig. As always, the offense will hinge on the health of Brady and tight end Rob Gronkowski. The defense, though, lost some key secondary players in Brandon Browner and Darrelle Revis. Now, the NFL has figured it’s another way to bring in revenue and build excitement for the Super Bowl on Sunday, although the New England Patriots coach didn’t help the cause. For more than an hour, the tight lipped Bill Belichick deflected probing questions, answering with Zen like brevity.. The player who bounced back from surgery to earn a second All Star spot in 2016 with the best years of his career sure to lie ahead. The soon to be father who just days ago shared his happy news with the world the way so many do via social media.. A repeat of that political wrangling next year would likely hurt the economy again.Stocks are also vulnerable to a sharp rise in interest rates. The market’s rally from its lows in March 2009 has been underpinned by low interest rates which has made stock market returns wholesale jerseys china more attractive. Having hired the geriatric giants of rock to play live during the half time interval of the contest at Detroit’s Ford Field, the organisers decided to ensure a youthful audience. Some 2,000 fans were offered free tickets to get a close up view of the gig, with one condition attached: they had to be born after 1961.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *