L’Italia ripudia la guerra: non rendiamo più facile dichiararla

29 gennaio 2015

presidioLa riforma istituzionale  al vaglio del Parlamento, in questo momento  in discussione alla Camera dei Deputati,  annovera tra i vari provvedimenti discendenti dalla modifica delle funzioni del Senato anche una riscrittura dell’articolo 78 della nostra Costituzione. Tale articolo afferma che “Le Camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono al Governo i poteri necessari” (Art. 78). Una configurazione che era stata pensata dai padri costituenti come atto e passo grave che derogasse solo temporaneamente dal principio di ripudio della guerra sancito dall’articolo 11, articolo facente parte dei principi fondamentali della Carta. Il potere di attivare lo stato di guerra spettante al Parlamento si configura quindi come atto politico per eccellenza e presuppone un giudizio di necessità circa l’instaurazione del regime giuridico di eccezionalità.

La modifica in discussione attualmente prevede invece che tale dichiarazione di guerra sia in capo a un  solo ramo del Parlamento: una situazione che, combinata con la nuova legge elettorale che prevede un alto premio di maggioranza, configura la possibilità che un singolo partito – in minoranza nel Paese e nell’elettorato ma avente la maggioranza in Parlamento grazie alla legge elettorale – possa prendere tale decisione. Le associazioni delle nostre Reti per la pace e il disarmo esprimono perciò una chiara preoccupazione per questa possibilità e, soprattutto, per la leggerezza con cui si sta intervenendo su un tema alquanto delicato. Riteniamo pericoloso e poco responsabile che si intervenga sull’articolo 78 della Costituzione, che rappresenta come detto una deroga eccezionale a principi ben più fondanti delle nostre istituzioni repubblicane, solo come conseguenza automatica e quasi “tecnica” di una decisione sull’assetto parlamentare.

A nostro parere sarebbe invece opportuno aprire un dibattito più ampio sulla questione per trovare delle modifiche, ovviamente necessarie mutando la natura del Senato, più in linea con lo spirito e i contenuti voluti dalle madri e dei padri costituenti. Non riteniamo accettabile che, per fare un esempio, sia più semplice raggiungere la maggioranza utile a dichiarare guerra rispetto a quella necessaria per l’elezione del Presidente della Repubblica. Entrambi sono momenti dalla natura enormemente importante (oseremmo dire “grave”) nella vita politica del nostro Paese e non si comprende la disparità che ne risulterebbe nell’affrontarli.

Non è nostra intenzione sostenere che la modifica proposta dal Governo sia intesa ad avere più facile accesso ad una eventuale dichiarazione di guerra. Non crediamo che sia quello l’obiettivo, ma comunque sottolineiamo con preoccupazione una discussione che, su un tema così importante, ci appare quantomeno superficiale.

Segnaliamo che alcune delle nostre realtà stanno rilanciando un Appello che intende sostenere un emendamento sulla questione presentato da un largo numero di Deputati afferenti all’intergruppo dei “Parlamentari per la Pace”. Una proposta emendativa che punta quantomeno ad innalzare il “quorum” di voti richiesto per una Dichiarazione di guerra. Questo sostegno di singole personalità ed associazioni ha solo lo scopo di indicare una possibile soluzione migliorativa del testo presentato dal Governo già sul tavolo nella discussione parlamentare. La nostra richiesta principale e, di fondo, rimane soprattutto quella di uno stralcio di qualsiasi provvedimento che preveda la modifica dell’articolo 78 della Costituzione e l’apertura di un ampio dibattito nell’opinione pubblica e nella politica sugli indirizzi fondamentali che la nostra Repubblica deve avere su una questione così decisiva e fondamentale per le sorti del nostro Paese come quella della scelta tra Pace e guerra.

Le nostre reti e le nostre organizzazioni sono ampiamente a disposizione per un confronto di questa natura.

Rete della Pace – Sbilanciamoci – Rete Italiana per il Disarmo

****

L’ITALIA RIPUDIA LA GUERRA

DECIDA IL PARLAMENTO, NON UN PARTITO

 

Nei prossimi giorni la Camera dei Deputati concluderà l’esame in seconda lettura della riforma della seconda parte della Costituzione.

La riforma prevede che la sola Camera dei Deputati possa deliberare (articolo 78 della Costituzione) lo “stato di guerra” a maggioranza semplice. Questa previsione – combinata con la futura legge elettorale maggioritaria – consegna al partito vincitore delle future elezioni politiche (anche se con una semplice maggioranza relativa) la responsabilità di una eventuale decisione così drammatica.

Non è possibile che la scelta se l’Italia debba entrare in guerra o no sia affidata ad un unico partito politico, anche se vincitore delle elezioni.

Per questo chiediamo alla Camera di sostenere l’emendamento (e tutti gli analoghi emendamenti) dei “parlamentari per la pace” a prime firme Carlo Galli, Giulio Marcon, Tatiana Basilio -e sottoscritto da oltre 160 deputati di PD, SEL, Movimento Cinque Stelle e Per l’Italia- che chiede che la dichiarazione dello “stato di guerra” debba avere la maggioranza di almeno 2/3 dei componenti della Camera dei Deputati.

L’articolo 11 della Costituzione dice: “L’Italia ripudia la guerra” e l’art. 78 prevede -evidentemente, solo per casi eccezionali e di difesa del paese- la possibilità di dichiarare lo “stato di guerra”.

Ma a deciderlo deve essere il Parlamento, non un partito.

 

Don Vinicio Albanesi presidente della Comunità di Capodarco

Ascanio Celestini attore e scrittore

Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera

Gad Lerner giornalista

Mario Martone regista

Alice Rohrwacher regista

Padre Alex Zanotelli missionario comboniano

Don Armando Zappolini presidente del CNCA

 

Supportano l’appello:

 

Francesca Chiavacci – Presidente Nazionale Arci

Riccardo Laterza – Rete della Conoscenza

Danilo Lampis – Unione degli Studenti

Alberto Campailla – Link Coordinamento Universitario

Raffaello Zordan – Nigrizia

Riccardo Troisi – Reorient

Francesco Vignarca – attivista e saggista sui temi del disarmo e delle spese militari

Vittorio Cogliati Dezza – presidente Legambiente

don Renato Sacco – coordinatore nazionale Pax Christi

Luisa Morgantini – AssoPace Palestina e già vicepresidente Parlamento Europeo

Gianni Alioti – ufficio internazionale Fim Cisl

Danilo Barbi – Segretario nazionale CGIL

Giordana Pallone – Responsabile riforme istituzionali CGIL

Piergiulio Biatta – Presidente dell’Osservatorio sulle Armi leggere (OPAL) di Brescia

Giorgio Beretta – Ricercatore sul commercio di armamenti

Stefano Maruca –  Ufficio Internazionale Fiom Cgil

don Albino Bizzotto – Beati i costruttori di pace

Grazia Naletto – Lunaria

Filippo Miraglia – VicePresidente Nazionale ARCI

Guido Barbera – Presidente CIPSI

Amalia Navoni – coordinamento Nord Sud del Mondo
Vittorio Bellavite – coordinatore nazionale di “Noi Siamo Chiesa”

Sandra Cangemi – giornalista
Elisa Cesan – portavoce nazionale Rete Primo Marzo

You can write about anything that you want. It becomes easier to write when you are familiar with the topics you write. Register for the Special Olympics program in your area by submitting the Athlete Registration Form and the Athlete Release Form. The registration form contains medical information that a physician must fill out, and a parent, guardian or adult participant must sign the release form. The heavy stuff will settle to the bottom and then you can pour off the water. Dump the sludge out onto a tarp, let it dry, and then dispose of it.. The implications are vast: What other toxic agents has the government been secretly testing in Baltimore, a city NFL Jerseys China that The Wire paints as crippled by drug use? Could this explain why they let Sgt. Colvin get away with his “Hamsterdam” experiment for so long in Season 3? The massive coverup at the end of Season 5 had to be a piece of cake to a government that is already hiding the existence of everything from aliens oakley outlet to “Super Soldiers.” Also, this would explain why the characters in The Wire always have such a hard time getting the Feds to cooperate with their drug investigations they have much, much bigger fish to fry. Luckily, the media and fans get to hear Doug Pederson explain how the team is “looking forward”, “moving ahead”, “making strides”, “needs to improve this and that”, etc. It makes me sick to think that the Eagles won’t contend for years because GM Howie Roseman and owner Jeffrey Lurie won’t pull the plug on Pederson for years and he is easily the worst coach in the entire NFL right now.. Adjust your strategy accordingly. Watch developments, stats, and studies in the industry and read what people have to say about social media marketing, but your own analytics will likely reveal a lot more about what you need to pay attention to than what anybody else says.. This protein based substance can also be found in human fetuses and assists in repairing any damage incurred by even the Fake Oakleys most hardcore fetus. Supposedly when the extracellular matrix is turned cheap nfl jerseys into a powder and applied to a wound the substance breaks down the surrounding tissue and causes it to rebuild in the same way it would in the womb. Meanwhile, Melbourne City coach John van ‘t Schip lashed Brisbane Roar counterpart John Aloisi for hypocrisy over City’s alleged play acting after Jade North took a dive in an attempt to attract a booking for City star Bruno Fornaroli. “A coach accusing us of diving . They select broadly. Early in the draft you see teams pickingdraftees based on need. ICE agents raid stores, flea markets in “Operation hockey jerseys Interception”Bargain priced NFL merchandise is a commond tipoff to counterfeitingOther things that trip up fakers: Holograms, serial fake ray bans numbers, telling up from downBogus gear costs government and licensees and, indirectly, puts safety at riskFederal agents in recent weeks have scoured T shirt shops and Craigslist postings looking for bargain priced NFL merchandise a tipoff that jordan sale sports merchandise may be bogus. And they’ve followed up with raids, hauling away a trove of jerseys.So far this year, Immigration and Customs Enforcement (ICE) and other agencies participating in “Operation Interception” have confiscated 36,273 counterfeit trademarked items nationwide, with more expected through the weekend.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *