#F35: un altro incidente. Un motivo in più per rinunciarvi

10 luglio 2014

no-f35-orizzontaleIn un’intervista di qualche mese fa non aveva esitato a definirli dei «bidoni». A maggior ragione ora, dopo l’ultimo incidente che ha interessato i cacciabombardieri F-35, torna all’attacco. Giulio Marcon, deputato Sel e fondatore della campagna Sbilanciamoci!, si batte da sempre per la cancellazione del programma Joint Strike Fighter.

Commentando la moratoria agli acquisti approvata di recente in Commissione Difesa, Marcon ricorda che «già a giugno di un anno fa il Parlamento si era espresso per la sospensione degli acquisti. Peccato che tra settembre 2013 e marzo 2014 il Governo abbia violato la mozione, concludendo contratti per sei velivoli. L’Italia non aveva nessun obbligo verso la Lockheed Martin e già allora ci si sarebbe benissimo potuti fermare. Insomma, l’ennesima occasione persa».

Anche sull’approvazione del Libro Bianco, testo proposto dall’Esecutivo e poi approvato dalle Camere, l’Onorevole è critico. «A differenza di quanto avviene per le Leggi, il Libro Bianco non può essere corretto dal Parlamento con emendamenti. Sarà insomma un prendere o lasciare, a scatola chiusa. Inoltre non dimentichiamo che si tratta di un testo di indirizzo, nel quale la questione degli F-35 sarà posta insieme a mille altre: non è certo lo strumento migliore per intervenire su un argomento così delicato».

Piuttosto Marcon guarda al 29 luglio, quando, «grazie all’iniziativa di Sel, la Camera discuterà una nuova mozione sulla cancellazione del programma F-35. Ci auguriamo sia uno stimolo al dibattito e un pungolo per il Governo».

Diversa la posizione di Gian Piero Scanu, capogruppo Pd in Commisione Difesa alla Camera. «La centralità del Parlamento non verrà assolutamente messa in discussione. Anzi, il Libro Bianco sarà l’occasione per dar seguito alle istanze che il Pd sostiene e porta avanti da tempo: arriveremo a un dimezzamento del programma e porteremo la spesa da 12 a 6 miliardi di Euro. Su questo punto confidiamo nell’impegno comune di Parlamento e Governo».

Il documento approvato il 7 maggio in Commissione arriverà in aula a fine luglio. «ma posso confermare – dichiara Scanu – che la moratoria è in atto già da ora. La settimana scorsa sono stati portati a termine i pagamenti dei primi e finora unici 6 aerei (quelli già previsti dai precedenti contratti, ndr) e la ministra della Difesa Roberta Pinotti ha espresso il suo esplicito e doveroso impegno a non andare oltre».

Tutto fermo, dunque? «Da tempo il Pd aveva evidenziato la necessità di sospendere gli acquisti, visti i problemi tecnici segnalati dal Pentagono. Gli ultimi incidenti non fanno che rafforzare questa posizione. Solo se dagli Stati Uniti dovessero arrivare le debite rassicurazioni, si potrebbe valutare una ripresa degli ordini. Ripresa, lo ripeto, comunque solo parziale, poiché puntiamo al dimezzamento dell’intero programma».

Se nelle aule parlamentari si accende il dibattito, tante sono le organizzazioni che si mobilitano, chiedendo meno aerei d’attacco e più equità sociale. In queste ore la campagna “Taglia le ali alle armi”, cui si deve un prezioso lavoro di ricerca e informazione, ha diffuso un comunicato dal titolo emblematico: “F-35 a terra: cosa aspetta il Governo a cancellarli?”.

Le tante ragioni del dissenso al programma Joint Strike Fighter vengono riassunte in 10 argomenti, corrispondenti ad altrettanti avverbi: 1. eticamente, 2. costituzionalmente, 3. economicamente, 4. socialmente, 5. tecnologicamente, 6. politicamente, 7. industrialmente, 8. occupazionalmente, 9. militarmente, 10. strategicamente.

La Campagna sollecita un confronto urgente col premier Renzi e la ministra Pinotti. «Rispondendo a una nostra richiesta fatta nei mesi scorsi – precisa Francesco Vignarca, coordinatore Rete Italiana Disarmo – la ministra Pinotti, pur dichiarandosi disponibile a incontrarci, aveva giustamente anteposto la necessità di riferire in Parlamento circa gli F-35. Ora, terminata questa fase, ci aspettiamo che mantenga l’impegno».

Tutti i cittadini, comunque, sono invitati a far sentire la loro voce, anche attraverso i social network: l’hashtag di riferimento è #F35diteciperché. Il testo dell’appello è disponibile sul sito www.disarmo.org/nof35 «Di fronte a un disastro politico, prima ancora che militare, è necessario riscoprire il buon senso». Così si esprime Flavio Lotti, coordinatore Tavola della Pace, altra storica voce impegnata contro gli armamenti. «L’F-35 è il sistema d’arma più “sfortunato” che l’industria bellica abbia mai prodotto: un dato ormai inoppugnabile, con cui anche i più bellicosi tra i nostri politici dovranno fare i conti. Questo ulteriore fallimento sarà l’occasione per cercare di persuadere chi ancora vuole tenere la testa sotto la sabbia».

I momenti non mancheranno: «La più grande mobilitazione che abbiamo in programma è una nuova marcia per la pace Perugia-Assisi», annuncia Lotti. L’appuntamento è per domenica 19 ottobre, ma il lavoro è già iniziato da tempo: «i mesi precedenti alla marcia sono fondamentali, perché è in questa fase che vengono coinvolte e sensibilizzate tante persone, comunità e istituzioni».

 

Intervista di Lorenzo Montanaro su Famiglia Cristiana

nfl cheerleader Cheap Football Jerseys allegedly drunk and abusive videoIn the end McCarthy and the Red Sox got their revenge, knocking New York out on the final weekend. Sadly their thrilling victory was wasted as they failed to make the post season, losing to the eventual champion Cleveland Indians in a one game playoff.. You can tie on a hook with any, any knot you can think of, but because of the design of the circle hook, you want some flexibility on how that hook is gonna come around and catch the corner of that fish’s mouth, so I would generally use a perfection loop. Perfection loop is a common knot that people use in salt water fishing for bait hooks but a lot, and also for fly fishing for tying on flies, because it provides a loop at the end of the line to give the bait or the fly a lot of freedom of movement, and that will generally induce greater action. India has been personally important to me and Facebook. Early on in my thinking about our mission, I traveled to India and was inspired by the humanity, spirit and values of the people. If the companies which they are working in don’t offer good salaries, they cheap nfl jerseys tend to hunt for jobs that pay them considerably well. In order to resolve this problem, the employers should make it a point to offer salaries that would be competitive enough to retain and attract well qualified and talented personnel. The photoreceptor mosaic we observed Fake Ray Bans with the confocal imager is known to reflect the waveguide properties of the OS. Therefore, we speculate that confocal IOSs might be mainly from photoreceptor OSs. We couldn’t find any stories about tribal men botching a triple Lutz and impaling themselves on their own footwear, so apparently you can move in these things. The average pair costs about $30, but they’re more if you make them sparkle and glitter like a rhinestone cowboy. Bluefin tuna has elevated levels as well but it also scores poorly in eco wholesale nfl jerseys friendliness. Longlines are the most common method of catching and this results in high numbers of bycatch. He catches the snap and positions the ball in direct line with the kicking leg. Throughout his approach, the punter always steps on the line with his kicking leg. A high school student with a GPA of 2.5 will need to score 820 on the SAT to be eligible for college baseball at the NCAA level. If that GPA is 3.0, the SAT requirement drops to 620. This is also a dynamic and exciting time for our parks and resorts with another very strong performance cheap nfl jerseys in Q1 and plenty to look forward to including the spectacular Shanghai Disney Resort. I was in China the week before last and saw amazing progress.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *